Julio Cortázar, ecco le istruzioni per l’uso

Il giro del giorno in ottanta mondi del grande autore argentino è una miscellanea di pagine di diario, disegni, racconti brevi o lunghi, ritratti di artisti, riflessioni sulla letteratura: una sorta di autobiografia. Con una sola regola: sovvertire ogni ordine prestabilito, con la complicità del lettore.

È il 1967, un periodo di sperimentazione letteraria per Julio Cortázar – sono passati quattro anni dalla pubblicazione di Rayuela e l’anno seguente sarà la volta di Componibile 62 –, quando fa la sua comparsa nelle librerie rioplatensi Il giro del giorno in ottanta mondi (329 pagine, 18 euro). Nel titolo, che fa riferimento al romanzo del quasi omonimo Jules Verne, c’è la volontà di fare un viaggio intorno al mondo senza scomodarsi dalla scrivania: ne deriva un libro sovversivo, che rifiuta ogni etichetta e annulla del tutto la distinzione tra generi, creando scalpore in un ambiente letterario ancorato alle tradizioni. Cinquant’anni dopo la pubblicazione in patria, quest’opera eccentrica torna nelle librerie italiane grazie alle edizioni Sur, nella traduzione di Eleonora Mogavero: possiamo così riscoprire uno dei suoi libri più ludici, più propriamente cortázariani.
Il giro del giorno in ottanta mondi non è un romanzo, né un saggio, né una raccolta…

[Continua a leggere su LuciaLibri.]


julio-cortazar-il-giro-del-giornoIl giro del giorno in ottanta mondi
(La vuelta al día en ochenta mundos)
di Julio Cortázar

Traduzione di Eleonora Mogavero
Cartaceo: brossura con alette, 330 pagg., 18.00€
Ebook: –
Casa editrice: Edizioni SUR
Collana: SUR. Nuova serie
Luogo e anno di pubblicazione: Roma 2017
ISBN: 9788869980909

Annunci