Un viaggio nel passato per non tradire sé stessi

Sullo sfondo dell’ultimo romanzo di Martin Page pubblicato in Italia c’è una Parigi che ha cambiato aspetto: è una metropoli piegata dagli attentati terroristici, dopo i quali le persone non sono più soltanto volti indefiniti nella folla, ma, con loro, a sfilare lungo i boulevard c’è anche la loro biografia, la musica che ascoltano, le storie dei loro cari. È una Parigi lontana dai cliché, dalle cartoline che la rappresentano come la città degli innamorati e delle luci dei bistrot alla moda. Se si guarda bene è possibile vedere le cicatrici delle ferite ancora aperte e impossibili da rimarginare.

Martin ha da poco compiuto quarantuno anni, ha una moglie e un figlio. Ha avuto la soddisfazione di vedere pubblicati alcuni suoi libri, ma la sua situazione economica resta altalenante, il costo della vita è molto alto, il tetto e la caldaia sono da riparare. Quando la sua famiglia va a trascorrere le vacanze in Svezia, egli si reca nella capitale francese, dove viene ospitato nella casa dell’amico artista Joachim per lavorare al riadattamento di un suo romanzo in chiave cinematografica, un’occasione che potrebbe dare una svolta alla sua vita.

Mentre di giorno il lavoro si rivela ben diverso da ciò che si era aspettato, di sera…

[Continua a leggere su Flanerí.]


martin-page-larte-di-rinascereL’arte di rinascere
(L’art de revenir à la vie)
di Martin Page

Traduzione di Tania Spagnoli
Cartaceo: brossura, 152 pagg., 15.00€
Ebook: –
Casa editrice: Edizioni Clichy
Collana: Gare du Nord
Luogo e anno di pubblicazione: Firenze 2017
ISBN: 9788867994229

Annunci